SUD TIROL CALCIO

SITO UFFICIALE

images.jpgSTORIA 

La società venne fondata nel 1974 a Bressanone come SV Milland. Nel 1995 prende la denominazione attuale, quando la squadra militava in Promozione. Nella sua prima stagione con la nuova denominazione la squadra vince il campionato rimanendo imbattuta: su 30 partite ne vince 26 e ne pareggia 4, per un totale di 82 punti. L’anno successivo, in Eccellenza, consegue un’altra promozione, in Serie D, perdendo solo una partita. L’estate 1997 Leopold Goller diventa presidente della squadra, subentrando a Hanns Huber.

Tra il 1997-1998 e il 1999-2000 la squadra disputa il campionato CND (poi Serie D) dividendosi l’ultima stagione tra Bressanone (girone di andata) e Termeno sulla strada del vino (girone di ritorno) per problemi di stadio. Con la promozione in Serie C2 dell’estate 2000, arriva lo spostamento definitivo a Bolzano. L’FC Südtirol-Alto Adige diventa la squadra professionistica con la sede più a nord in Italia.

La sede legale è ancora a Bressanone, ciononostante dalla stagione 2000-2001 la squadra gioca allo stadio Druso di Bolzano, anche perché è quello l’unico impianto in provincia a poter ospitare partite del calcio professionistico.

Nella prima stagione in C2 i bianco-rossi ottengono la salvezza, dopodiché sfiorano la promozione in C1 per tre stagioni consecutive uscendo dai play-off promozione. Dopo l’ottavo posto del 2005 arriva ancora una sconfitta ai play-off (in semifinale). Dal termine della stagione al presidente Leopold Goller succede nel giugno 2006, col ruolo di presidente e direttore generale, Werner Seeber.

Dal 2006 ad oggi

Per la stagione 2006-2007 la squadra si presenta ai nastri di partenza per la settima volta consecutiva in C2 (girone A). L’allenatore è Aldo Firicano, che raccoglie l’eredità di Marco Baroni. Al termine del girone di andata la squadra si trovava al terzo posto in classifica, due punti dietro la Nuorese e uno dietro la Pro Vercelli. Sulla squadra pesava però la sconfitta a tavolino (3-0) contro il Montichiari alla prima giornata: sul campo gli altoatesini avevano vinto 3 a 1. Il ricorso del Montichiari verteva però sull’utilizzo da parte degli avversari di Fabian Mayr, nonostante questi dovesse scontare una squalifica rimediata al termine del campionato precedente di Eccellenza nel St. Pauls.

Con l’inizio del girone di ritorno e la riapertura del mercato di gennaio, ritorna dopo sola mezza stagione in C1 all’Ivrea l’attaccante Thomas Bachlechner, che aveva alle sue spalle altre 5 stagioni con la maglia biancorossa. La stagione si conclude al settimo posto, con 49 punti, non sufficienti per accedere ai play-off promozione.

Durante l’estate la squadra rischia di non potersi iscrivere alla Serie C2, per l’annoso problema della sede legale, che è a Bressanone: a meno di particolari deroghe, la squadra non potrebbe quindi disputare i match casalinghi se non al Druso di Bolzano, l’unico stadio omologato per la serie in provincia. Per risolvere questo problema viene proposta una fusione con il Bolzano, possibilità realizzabile solo dalla stagione 2008-2009.

La stagione 2007-2008 inizia con il rinvio della partita di Coppa Italia Serie C contro il Mezzocorona, proprio per il problema stadio. La squadra gialloverde si reca a Bressanone, mentre i biancorossi al Druso, e il derby non viene giocato (le due società erano le sole a rappresentare il Trentino-Alto Adige tra i professionisti).

Il Südtirol termina la stagione a 44 punti, ottenendo la salvezza senza passare attraverso i play-out, grazie alla vittoria al Druso ottenuta nell’ultima giornata di campionato contro la Pro Vercelli (2-1).

Per la stagione 2008-2009 viene ingaggiato l’allenatore Maurizio D’Angelo. L’inizio di stagione non è soddisfacente e la squadra si ritrova a lottare nelle ultime posizioni di classifica. Ad ottobre la dirigenza decide di esonerare D’Angelo e di assumere come nuovo allenatore Mauro Alessandrini.

2009-2010 HANNO VINTO IL CAMPIONATO DI LEGA PRO SECONDA DIVISIONE GIRONE A

SUD TIROL CALCIOultima modifica: 2010-05-16T20:20:00+02:00da lucchese1905
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento