CITTA’ ANCONA

Protesa verso il mare, la città sorge su un promontorio a forma di gomito piegato, che protegge il più ampio porto naturale dell’Adriatico centrale. Il nome stesso della città ricorda la sua posizione geografica: Αγκων, “ankon” in greco significa gomito, e così la chiamarono i Siracusani, che fondarono la città nel 387 a.C. L’origine greca di Ancona è ricordata dall’epiteto con la quale è conosciuta: la “città dorica“.

Ancona è caratterizzata dalla posizione a picco sul mare, dal centro ricco di storia e di monumenti, dai parchi semi-urbani ben conservati e dai meravigliosi dintorni. I rioni storici, arrampicati su varie colline, si affacciano sull’arco del porto come intorno al palcoscenico di un teatro. Dal suo porto partono ogni anno circa un milione di viaggiatori diretti soprattutto in Grecia e Croazia, ma anche in Albania, Turchia e Montenegro; è infatti il primo porto adriatico per numero di imbarchi, e uno dei primi per le merci e per la pesca.

La città di Ancona sorge nella costa dell’Adriatico centrale su un promontorio formato dalle pendici settentrionali di monte Conero o Monte d’Ancona (572 m s.l.m.). Questo promontorio dà origine ad un golfo, il Golfo di Ancona, nella cui parte più interna si trova il porto naturale. Il luogo dove sorge Ancona rientra nella zona a sismicità medio-alta, è classificata di livello 2 dalla Protezione civile.[2]

Ad Ancona si vede sorgere il sole dal mare, come in tutta la costa adriatica, ma è l’unica città in cui si può vedere sul mare anche il tramonto, visto che, grazie alla forma a ‘gomito’ della sua costa, è bagnata dal mare sia ad Est che ad Ovest.

La città possiede varie spiagge; la più centrale è quella del Passetto, tipica spiaggia di costa alta, ricca di scogli, tra i quali la Seggiola del Papa (uno dei simboli della città), lo scoglio del Quadrato, molto apprezzato per la possibilità di tuffarsi nell’acqua profonda. A Nord del porto la costa è bassa. In questa zona da ricordare è la spiaggia di Palombina, sabbiosa, di carattere urbano e con un’aria vivacemente popolare, in vista del golfo dorico e bordata dalla linea ferroviaria. Il territorio cittadino è caratterizzato da un’alternanza di fasce collinari e di vallate.

Tramonto sul mare visto dal colle Guasco

La fascia di colline più settentrionale, affacciata direttamente sul mare, comprende il Colle Guasco sul quale svetta il Duomo, il Colle dei Cappuccini con il Faro, Monte Cardeto con le sue fortificazioni immerse nel verde del parco omonimo. Più a Sud si trova la vallata un tempo detta Piana degli Orti, oggi attraversata dai tre corsi principali e dal Viale della Vittoria. A Sud di questa vallata c’è poi la seconda fascia collinare, con il colle Astagno, sul quale sorge la Cittadella, un grande polmone verde all’interno della città, il colle di Santo Stefano, con il parco del Pincio, Monte Pulito, con la sede dell’Ammiragliato, Monte Pelago, con il piccolo osservatorio astronomico, ed infine il Monte Santa Margherita, a picco sul mare, occupato nelle sue pendici Nord dal parco del Passetto. La vallata che si trova ancora a Sud è costituita da Valle Miano e dal Piano San Lazzaro, occupato dal quartiere omonimo, il solo pianeggiante della città. Ancora a Sud si estende la fascia di colline periferiche e infine la vallata dei Piani della Baraccola.

La città di Ancona presenta caratteristiche di transizione tra il clima dell’alto versante Adriatico e il clima mediterraneo. Classificazione climatica: zona D, 1688 GR/G

L’inverno è generalmente freddo, soprattutto durante le irruzioni di aria fredda per venti di bora che possono portare la neve anche sulla costa e durante gli episodi di nebbia da inversione termica, quando le temperature si mantengono costanti per l’intera giornata su valori di poco superiori allo zero.

L’estate si presenta afosa, con temperature massime raramente superiori ai 30°C, fatta eccezione per le giornate in cui soffia il libeccio che può portare valori anche oltre i 35°C ma con bassissimi tassi di umidità relativa; il mese di agosto vede un notevole incremento dei fenomeni temporaleschi rispetto ai due mesi precedenti.

Le precipitazioni sono moderate (776 mm annui), distribuite in modo piuttosto regolare, con minimi relativi in inverno, primavera e nella prima parte dell’estate; tra la tarda estate e l’intera stagione autunnale

Storia

L’attuale zona centrale di Ancona ospitava alcuni insediamenti già nell’età del bronzo. Nell’età del ferro fu un villaggio piceno. Nel 387 a.C. un gruppo di Greci, esuli siracusani attratti dal grande porto naturale, fondò la città sul colle Guasco.

All’arrivo dei Romani nelle Marche le popolazioni locali cercarono inizialmente una convivenza pacifica e Ancona attraversò un periodo di transizione tra la civiltà greca e quella romana, anche dal punto di vista linguistico. Dal 113 a.C. Ancona può considerarsi città romana, pur orgogliosa delle proprie origini greche. I Romani consideravano Ancona l’accesso d’Italia da Oriente e quindi la sede naturale dei commerci con la Dalmazia, l’Egitto e l’Asia. Comprendendo l’importanza strategica e commerciale che aveva Ancona, l’imperatore Traiano fortificò la città e ne ampliò il porto.

Alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente Ancona, dopo il dominio degli Eruli e dei Goti, fu tra i possessi dell’Impero Romano d’Oriente e fece parte della Pentapoli marittima assieme alle città di Senigallia, Fano, Pesaro e Rimini. Dopo un breve periodo sotto il dominio longobardo, nel 774 d.C. la città passò allo Stato della Chiesa.

Con l’istituzione del Sacro Romano Impero la città fu posta a capo della Marca di Ancona, che dopo aver assorbito le marche di Camerino e di Fermo comprese quasi tutta l’odierna regione Marche.

Alla fine dell’XII secolo Ancona è un libero comune ed una repubblica marinara. Si scontrò così sia con il Sacro Romano Impero, che tentò ripetutamente di ristabilire il suo effettivo potere, sia con Venezia, che non accettava nell’Adriatico un’altra città marinara.

La forza di Ancona, comunque, era tale che nel 1137 respinse l’imperatore Lotario II, nel 1167 anche l’imperatore Federico Barbarossa e nel 1174, quando il Barbarossa inviò ad Ancona il suo luogotenente, l’Arcivescovo Cristiano di Magonza, per sottomettere una buona volta la città. Ancona, però, uscì vittoriosa ancora una volta.

Mappa seicentesca di Ancona

Nel 1532 Ancona dovette rinunciare all’indipendenza poiché il papa Clemente VII la incorporò nei domini dello Stato Pontificio. A causa della scoperta dell’America, e della caduta di Costantinopoli nelle mani dei Turchi, il centro dei commerci si era ormai spostato dal Mediterraneo all’Atlantico e per tutte le città marinare italiane, compresa Ancona, iniziò un periodo di recessione che durò per tutto il XVII secolo e ebbe sollievo solo con papa Clemente XII, che nel 1732 concesse il porto franco, grazie al quale l’economia vide una nuova luce.

Nel 1797 Napoleone occupò la città e proclamò la Repubblica Anconitana, che nel 1798 venne annessa alla prima Repubblica Romana. Dopo alterne vicende ed assedi che la videro passare in mano francese ed austriaca, fu annessa nel 1808 al Regno Italico Napoleonico e divenne capoluogo del Dipartimento del Metauro. Dal 1808 al 1815 assunse informalmente al ruolo di seconda città del regno, in quanto il Vicerè Eugenio Beauharnais vi soggiornava spesso per curare il suo cospicuo appannaggio (il quale fu mantenuto dalla Restaurazione). Alla fine dell’epoca napoleonica tornò a far parte dello Stato Pontificio nel 1815, con la Restaurazione, ma il dominio francese aveva lasciato nella città le idee rivoluzionarie di libertà, e questo permise la diffusione della Carboneria; rimase a lungo nella città Massimo d’Azeglio. Ancona partecipò ai moti del 183133 che vennero repressi con processi e condanne a morte.

Al termine della Prima guerra di indipendenza, nel 1849, Ancona si dichiarò libera dal dominio papale e appartenente alla (seconda) Repubblica Romana. Il Papa allora chiamò gli austriaci per riprendere il possesso delle sue terre. Compagna di Venezia e di Roma, la città di Ancona per settimane resistette eroicamente all’assedio austriaco. Per l’eroismo e l’attaccamento agli ideali di libertà e di indipendenza dimostrati nel 1849 Ancona venne insignita della medaglia d’oro al valor militare.

Nel 1860, dopo la sconfitta di Castelfidardo, le truppe pontificie si rifugiarono in Ancona per tentare l’ultima difesa dei territori pontifici: Ancona era ormai per loro l’ultimo baluardo. Il 29 settembre 1860 le truppe dei generali Cialdini e Manfredo Fanti entrarono vittoriose in Ancona. Nel novembre dello stesso anno un plebiscito ufficializzò l’ingresso di Ancona Marche ed Umbria nel Regno d’Italia. Subito Ancona assunse un ruolo militare notevole nella compagine difensiva del giovane regno: fu una delle cinque piazzeforti di prima classe, insieme a Torino, La Spezia, Taranto e Bologna. Momenti che la videro alla ribalta nazionale furono nel 1914 la Settimana Rossa e nel 1920, durante il biennio rosso, la Rivolta dei Bersaglieri.

Durante il ventennio fascista la città di Ancona ebbe un notevole sviluppo urbanistico. Negli ultimi anni della seconda guerra mondiale Ancona, a causa della sua importanza strategica, subì numerosissimi bombardamenti da parte delle forze alleate, che dovevano preparare il passaggio del fronte. In particolare, il 1° novembre 1943 fu uno dei più tragici eventi della storia della città: in pochi minuti duemilacinquecento persone persero la vita, ed un terzo della città storica (rione Porto, oggi Guasco-San Pietro) venne definitivamente cancellato. Finalmente il 18 luglio 1944 il generale Władysław Anders a capo dell’esercito polacco entrò in Ancona e la liberò dai tedeschi.

Da segnalare negli ultimi anni vi è la fondazione dell’università, nel 1959, e la riapertura del Teatro delle Muse, nel 2002. Nel 2008 il governo ha scelto Ancona come prestigiosa sede del Forum dell’Adriatico e dello Ionio, che raggruppa i rappresentanti di Italia, Slovenia, Croazia, Montenegro, Albania, Grecia. Sarà la storica Cittadella cinquecentesca ad ospitare le rappresentanze diplomatiche, al termine dei lavori di restauro.

CITTA’ ANCONAultima modifica: 2009-01-23T14:45:13+01:00da lucchese1905
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento