GIULIANOVA CALCIO

L‘INIZIO



Il calcio a Giulianova, arriva intorno al 1920, con le prime partite disputate sul ‘Campo della Fiera‘ a Giulianova Alta. Ufficialmente arriva anni dopo, ed esattamente 1924, quando nasce il sodalizio ‘Società Sportiva Giuliese‘. Tra i fondatori di questa prima società calcistica di Giulianova, ci sono Amato Alfonso Migliori, futuro sindaco della città ed rampollo di una ricca famiglia locale, e l‘avvocato Italo Foschi, che nel 1927 sarà fondatore della A.S. Roma Calcio. Svolge per lo più attivà in campionati locali. In seguito la S.S. Giulianova, viene soppiantata dalla Pro-Italia. Nel 1933, compaiono per la prima volta le maglie giallorosse e, la società partecipa ad il campionato UILC. Anno 1939, a Giulianova, compare una seconda squadra la ‘Castrum‘; dualismo che durò per poco tempo indatti le due società giuliesi si fusero, nacque così, una nuova società con la denominazione, di A.S. Giuliese, che rimase l‘unico sodalizio ufficiale. Nel dopoguerra il Giulianova, viene iscritto inizialmente alla Promozione (un campionato di ambito interregionale tra la Serie C e la Prima Divisione).

DAL 1948



Stagione 1948, sempre nel campionato di Promozione, durante una partita a Fermo, contro la Fermana, avvennero gravi incidenti, con il pubblico che aggredì e percosse l‘arbitro. Il Giulianova venne radiato ed il calcio riprese dalle categorie minori con una società dal nome, ‘La Freccia d‘Oro‘. Con la vittoria del campionato di Prima Divisione Abruzzese, torna anche la denominazione Giulianova.

Nella stagione 1953-1954 il Giulianova sale in IV^ Divisione, dove rimane con qualche discesa e risalita, fino al campionato 1970-1971, quando per la prima volta approda in Serie C, vincendo il Girone D della Serie D, sotto la Presidenza di Tiberio Orsini, e guidata in campo dall‘allenatore-giocatore Adelmo Capelli, con D.T. Nicola Tribuniani, mettendo in evidenza l‘attaccante Ciccotelli, che segna 19 reti.

Nella prima stagione in Terza Serie, i giallorossi, mettono in evidenza diversi giocatori interessanti, come il portiere proveniente dalla Renato Curi, Walter Ciappi (Perugia, Campobasso), il terzino Lelj, poi alla Fiorentina e l‘attuale allenatore dei giuliesi Francesco Giorgini. In Serie C, sono sempre campionati buoni di media-alta classifica, senza la ricerca della Serie B e, sempre con l‘occhio attento al vivaio: nel periodo infatti, si afferma un portiere come Franco Tancredi (giuliese doc), che vincerà il secondo scudetto della Roma e poi raggiungerà anche la Nazionale, nella seconda metà degli anni 80‘.

Nel 1974-1975, con Tancredi tra i pali, la punta Oriano Grop (in seguito all‘Udinese ed Alessandria in B) e nonostante un cambio di panchina con l‘arrivo di Corelli, i giallorossi arrivano al 4° posto, a pari merito con la Sangiovannese, ma ben lontani dal Modena, vincitore del torneo. Una stagione che consacra definitivamente Tancredi, che passerà poi alla Roma.

Nel 1975-1976, ancora 4° posto in C, un punto dietro i cugini di Teramo, ma sempre lontani dalla vincintrice, in questo caso il Rimini.Anche questo campionato da prime piazze caraterizzato dal cambio di panchina, con l‘attaccante Canzanese, che si mette in evidenza.

Nel 1977-1978, campionato che consegna il 14° posto, che vale la relegazione alla neonata C2, in evidenza l‘attaccante D‘Ottavio ed il difensore Chinellato (Varese e Roma).

Nel 1978-1979, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. La squadra è consegnata ad Angelo Pereni, con il bomber Pasquale Traini, che comincia a mettere a segno i primi goals pesanti. 8° posto in classifica finale.

Nel 1979-1980, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. Con Corelli in panchina, il Giulianova vince il duello tutto abruzzese con il Francavilla, trascinato dalle reti di Ciccotelli e Traini, classificandosi al 1° posto.

Nel 1980-1981, il Giulianova milita in Serie C1 girone B. Finisce la stagione regolare al 12° posto in clasifica.

Nel 1981-1982, il Giulianova milita in Serie C1 girone B. Finisce la stagione regolare al 17° posto retrocedendo in Serie C2.

Nel 1982-1983, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. Finisce la stagione regolare al 9° posto in clasifica.

Nel 1983-1984, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. Finisce la stagione regolare al 4° posto in clasifica.

Nel 1984-1985, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. Finisce la stagione regolare al 11° posto in clasifica.

Nel 1985-1986, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. Cè l‘ufficializzazione di Francesco Giorgini in panchina, anche se in effetti ormai da alcune stagioni ricopriva il doppio ruolo di allenatore in 2^ e giocatore. Il campionato mette in evidenza Tiziano De Patre, poi all‘Inter, Parma e Venezia. 12° posto in classifica.

Nel 1986-1987, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. Finisce la stagione regolare al 4° posto in clasifica.

Nel 1987-1988, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. Finisce la stagione regolare al 13° posto in clasifica.

Nel 1988-1989, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. Dopo un campionato di medio-basso livello, Francesco Giorgini dice il primo addio al Giulianova, con l‘arrivo in panchina di Francesco Oddo. In evidenza il centrocampista Luigi Voltattorni. Dopo il periodo Oddo, si apre quello di Carlo Florimbi, che come per i suoi predecessori, si avvale dell‘apporto di Ivo Iaconi (ex all. di Samb, Pisa ed ora al Frosinone), come allenatore in campo.

Nel 1989-1990, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. Finisce la stagione regolare al 10° posto in clasifica.

GLI ANNI ‘90



Nel 1990-1991, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. Finisce la stagione regolare al 10° posto in classifica.

Nel 1991-1992, il Giulianova milita in Serie C2 girone B. Per un forte crisi societaria il Giulianova finisce la classifica al 18° posto, retrocedendo nel Campionato Nazionale Dilettanti.

Nel 1992-1993, il Giulianova militia nel Campionato Nazionale Dilettanti. Evita per poco la doppia caduta, salvandosi dall‘Eccellenza.

Nel 1993-1994, il Giulianova militia nel Campionato Nazionale Dilettanti girone G. Vince il girone, tornando in C2, con Francesco Giorgini alla guida tecnica.

Nel 1994-1995, il Giulianova milita in Serie C2 girone B. Con il neo-allenatore Giovanni Simonelli, il Giulianova finisce all‘8° posto.

Nel 1995-1996, il Giulianova milita in Serie C2 girone C. Con Francesco Giorgini in panchina torna in Serie C1; nella stagione regolare arriva al terzo posto, poi nei play-off, elimina la Viterbese ed in finale a Foggia, l‘Albanova, ai rigori per 3-0, davanti a circa 5.000 sostenitori giallorossi.

Nel 1996-1997, il Giulianova milita in Serie C1 girone B. Alla presidenza arriva la Famiglia Quartiglia (attuali proprietari) ed altro addio a Francesco Giorgini, con la panchina che passa a Marco Alessandrini. Tra gli arrivi, quello dell‘attuale centravanti biancoblù Fabio Artico, proveniente dall‘Empoli, che in 25 presenze riesce a segnare 13 reti. 11° posto finale con tre cambi di allenatore, con Stefano Cuoghi che chiude la stagione.

Nel 1997-1998, il Giulianova milita in Serie C1 girone B. 11° posto finale in classifica con Stefano Cuoghi in panchina. Tra i migliori Stefano Visi, Antonio Bellavista, Tommaso Dei, Pasquale Catalano, Massimo Perra, Giuseppe Giglio e Fabio Artico.

Nel 1998-1999, il Giulianova milita in Serie C1 girone B. Fulvio D‘Adderio è il trainer, Luigi Molino prende il posto di Fabio Artico, e si afferma sempre più il difensore centrale Maurizio Peccarisi (ex Cesena e Torino), tra gli altri giocatori di quel campionato Evangelisti, Roberto Carannante e Umberto Calcagno. Arriva un 4° posto e conseguenti play-off, in semifinale lo scontro contro la Juve Stabia, vede i campani passare in finale.

Nel 1999-2000, il Giulianova milita in Serie C1 girone B. 10° posto finale con Fulvio D‘Adderio e Tortorici a dividersi la panchina. Tra i più importanti Massimo Cicconi, Gianluca di Biagio, Marco Lo Pinto, Michele De Feudis, Ivano Pastore e Fabio Gianella.

DAL 2000 AI GIORNI NOSTRI



Nel 2000/2001 il Giulianova milita in Serie C1 girone B. 11° posto finale; ritorna ad inizio stagione Francesco Giorgini, poi tocca ad Adriano Buffoni, concludere l‘annata, che tra i giocatori, vede l‘ex biancoblù Luca Albieri, poi Salvatore Ambrosino, Gianni Califano, Maurizio Caccavale e Roberto Cappellacci.

Nel 2001/2002 il Giulianova milita in Serie C1 girone B. 6° posto finale, anche se l‘arrivo è a parimerito con il Lanciano al 5° posto, ma i giallorossi rimangono fuori dai play-off. La formazione giuliese è guidata prima da Adriano Buffoni poi da Paolo Bordoni, in squadra Oberdan Biagioni, Massimo Epifani, Vincenzo Maiuri e da gennaio Firmino Elia.

Nel 2002/2003 il Giulianova milita in Serie C1 girone B. 15° posto finale; ad inizio stagione si parte con Giuseppe Galderisi, come allenatore, a cui subentra poi Francesco D‘Adderio; Firminio Elia in evidenza con 8 reti in 23 presenze.

Nel 2003/2004 il Giulianova milita in Serie C1 girone B. 11° posto finale con Francesco D‘Arrigo in panchina; a gennaio si registra il primo scambio diretto con la Pro Patria, che rileva Firmino Elia, che fino a quel momento aveva segnato 2 reti in 15 presenze. In rosa, un altro ex biancolù Antonio Obbedio, arrivato dal Pisa, tra gli altri giocatori, Marcello Cottafava, Giuseppe Cozzolino, Davide Olivares, Tiziano De Patre, Massimiliano Tangorra e Matteo Pelatti.

Nel 2004/2005 il Giulianova milita in Serie C1 girone B. 16° posto finale; il Giulianova si salva ai play-out contro il Sora. In panchina in avvio Augusto Gentilini, ma è il solito Francesco Giorgini che porta i giallorossi alla salvezza. I migliori: Federico e Cristiano Del Grosso, Massimiliano Tangorra, Antonio Obbedio, Simone Felci, Daniele Scartozzi, Giuseppe Cozzolino.

Nel 2005/2006 il Giulianova milita in Serie C1 girone A. 12° posto finale; mister Francesco Giorgini riesce a portare a termine l‘incarico salvezza senza passare per i play-out. Tra i migliori spiccano Gianni Califano, Massimiliano Memmo, Ottavio Palladini, Pasquale Catalano, Stefano Visi, Federico Del Grosso, Angelo Danotti. Gianni Califano in evidenza con 15 reti in 33 presenze.

GIULIANOVA CALCIOultima modifica: 2009-01-15T20:04:14+01:00da lucchese1905
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento