CITTA’ DI MASSA

  « Siede Massa tra lucida verzura d’aranci, a specchio del Tirreno mare; vedei tagliente dietro lei spiccare come zaffiro immenso la Tambura: verdeggiante e declive in una pura chiarità d’alba il Belveder t’appare; sola, in dispartre, sembra minacciare nubi passanti la Brugiana oscura. Mi sveglia il canto delle capinere tra le magnolie e m’assopisce un lento ronzio di ruote e … Continua a leggere